Equo e Solidale


Il commercio equo e solidale è “un approccio alternativo al commercio convenzionale: promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione, l’informazione e l’azione politica”. Così la Carta italiana dei criteri del commercio equo e solidale definisce  quelle attività commerciali (in inglese fair trade)che si pongono come obiettivo primario non solo il profitto, ma anche la lotta allo sfruttamento e alla povertà. Il commercio equo e solidale è, dunque, “una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: dai produttori ai consumatori”.

La Carta, approvata nel 1999 (sulla scorta di un equivalente documento europeo: la Carta europea dei criteri del commercio equo e solidale) e aggiornata nel 2005 dai soci dell’Agices (Associazione assemblea generale italiana del commercio equo e solidale), mette nero su bianco i principi che, a partire dall’attività delle Botteghe nel mondo, ispirano  il fair trade italiano. Che vuole “migliorare le condizioni di vita dei produttori (…) pagando un prezzo migliore ed assicurando continuità nelle relazioni commerciali). Che privilegia i produttori svantaggiati, “specialmente gruppi di donne e popolazioni indigene e proteggere i bambini dallo sfruttamento nel processo produttivo”.  Che organizza “rapporti commerciali e di lavoro senza fini di lucro e nel rispetto della dignità umana, aumentando la consapevolezza dei consumatori sugli effetti negativi che il commercio internazionale ha sui produttori, in maniera tale che possano esercitare il proprio potere di acquisto in maniera positiva”. E che promuovere “un uso equo e sostenibile delle risorse ambientali”.

03 Mag 2016
Insieme a centinaia di associazioni e gruppi locali, Legambiente promuove la manifestazione di sabato 7 maggio a Roma contro il TTIP, l’accordo sul commercio negoziato da Unione Europea e USA. L’accordo sul Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti metterebbe infatti a rischio la sicurezza del cibo che mangiamo e la...
22 Mar 2013
Per promuovere un'alleanza ambientalista per un Mediterraneo solidale e sostenibile, Legambiente sarà al Forum sociale mondiale che si svolgerà a Tunisi dal 26 al 30 marzo.“Crediamo alla necessità di stabilire e consolidare relazioni di cooperazione tra le ONG dei paesi del bacino del Mediterraneo, una rete che sviluppi una nuova politica...
22 Giu 2012
Un vertice caratterizzato “da una mancanza assoluta di leadership politica, che ha prodotto un documento debolissimo, che non contiene nessun tipo d’impegno concreto, in particolare per quanto riguarda l’aiuto finanziario ai paesi poveri per sostenere la loro transizione verso un’economia verde equa e solidale”. E’ il bilancio di Legambiente su...
21 Ott 2010
La campagna promozionale del commercio equo e solidale Fino al 31 ottobre, appuntamenti, iniziative e incontri per cambiare il proprio modo di fare la spesa   E’ partita Io faccio la spesa giusta, la campagna di promozione del commercio equo e solidale certificato, organizzata da Fairtrade Italia, il consorzio nazionale che aderisce...
29 Mag 2010
Andrea Nicolello il nuovo presidente L’assemblea dei soci che si è svolta ieri, 27 maggio, ha Firenze, ha nominato la rappresentanza destinata a governare il consorzio per i prossimi tre anni. Andrea Nicolello (Legambiente), nuovo presidente Il futuro del commercio equo e solidale certificato in Italia si giocherà nei prossimi...