Green Jobs


La trasformazione del modello energetico, la riqualificazione dell’edilizia esistente, l’apertura di un grande cantiere per la sicurezza ambientale.Potrebbero essere queste le chiavi cui affidare la ripresa dell’economia, e quindi dell’occupazione, nel nostro Paese. È un fatto che su questa ‘ricetta’ siano d’accordo due soggetti in passato spesso lontani fra loro: Cgil e Legambiente.

Sul fronte energetico l’idea è mettere al lavoro molte persone nella fabbricazione delle tecnologie che permettono di sfruttare le rinnovabili e nella loro conseguente installazione e manutenzione.

Un altro settore che potrebbe rimettere in moto il paese è quello della sistemazione e della manutenzione diffusa del territorio, per prevenire frane e alluvioni o per bonificarlo dai veleni che gli sono stati immessi, spesso illegalmente.

I cosiddetti green jobs creano posti di lavoro che contribuiscono in modo significativo alla tutela dell’ambiente e a ridurre l’impronta ecologica. Alcuni lavori verdi riguardano quei graduali cambiamenti che portano allo sviluppo di nuove professionalità:installatori di pannelli fotovoltaici, venditori e agenti di tecnologie low emission, esperti di efficienza, responsabili di parchi eolici. D’altro canto, molti lavori tradizionali – elettricisti, ingegneri, architetti – possono convertirsi puntando alla sostenibilità ambientale. Ci sono inoltre le conversioni indirette, come ad esempio quella che avrebbe il siderurgico se producesse di più per il ferroviario o l’eolico.

È l’Unep, il programma Onu per l’ambiente, a dimostrare in un rapporto del 2009(Green jobs: towards decent work in a sustainable, low-carbon world) le potenzialità dell’intero comparto: il mercato mondiale dei prodotti e dei servizi ambientali, entro il 2020, è destinato a raddoppiare, passando da 1.370 a 2.740 miliardi di dollari l’anno. E i green jobs, secondo il pool di economisti che ha redatto il dossier, seguiranno un andamento analogo: nel solo settore delle fonti rinnovabili si contano oggi 2,3 milioni posti di lavoro, le proiezioni indicano che entro il 2030 verrà superata quota 20 milioni. La metà dell’indotto complessivo riguarderà efficienza energetica, trasporto sostenibile, approvvigionamento idrico, servizi igienici e gestione dei rifiuti.

In Italia, secondo i recenti dati diffusi dall’Istituto per la formazione dei lavoratori (Isfol), il numero di addetti dell’ambito ‘verdÈ è cresciuto del 41% in 14 anni: nel 1993 erano 263.900, nel 2006 372.000. Numeri che non tengono conto degli oltre centomila impiegati nel settore dell’agricoltura biologico e degli ottantamila lavoratori, diretti e indiretti, di Parchi e Aree protette.

01 Mar 2017
  Ambiente, paesaggio, cura del territorio, vivibilità: che si viaggi per piacere, in cerca di pace e relax o per conoscere nuove realtà e vivere avventure insolite, l’ambiente fa la differenza. Il turismo oggi è sempre più esperienza di bellezza, condivisione di valori, simbiosi tra chi visita e chi...
06 Lug 2016
Quattro week-end di attività nei parchi nazionali dell’Appennino centrale, tutte dedicate al camoscio che vive in queste montagne, una specie autoctona unica al mondo. Dal prossimo fine settimana, il secondo di luglio, prende il via La Carovana del camoscio appenninico, la nuova campagna di Legambiente dedicata alla valorizzazione...
23 Gen 2015
  Il 2015 è l'anno ONU dedicato alla luce e alle sue tecnologie, ma è anche l'anno dedicato  all'uso del suolo nel mondo, è il decennale del Millenium Goal, della Conferenza sui cambiamenti climatici a Parigi e dell'Expo a Milano. Tanti contenuti per un Paese che ha bisogno di nuove idee per uscire...
23 Gen 2015
  Il 2015 è l'anno ONU dedicato alla luce e alle sue tecnologie, ma è anche l'anno dedicato  all'uso del suolo nel mondo, è il decennale del Millenium Goal, della Conferenza sui cambiamenti climatici a Parigi e dell'Expo a Milano. Tanti contenuti per un Paese che ha bisogno di nuove idee per uscire...
09 Ott 2014
Un’Europa che sappia guardare al futuro attraverso una nuova politica energetica, scelte innovative ed obiettivi ambiziosi per il clima e l’energia. È questo quello che Greenpeace, Legambiente e Wwf chiedono all’Ue e all’Italia in vista dell’incontro che il Consiglio Europeo avrà il prossimo 23 e 24...
30 Lug 2014
Nessun impianto eolico off-shore, malgrado a largo delle coste italiane siano stati presentati in questi anni 15 progetti di impianti eolici, nel più totale disinteresse di Governo e Confindustria. Eppure da Termoli a Brindisi, da Manfredonia a Gela, negli stessi ambiti dove gli impianti eolici off-shore si trovano di fronte a barriere...
26 Lug 2014
In India e in Turchia, rispettivamente ad Alang e ad Aliaga, vicino la città di Smirne, sono arenate sulla spiaggia decine e decine di relitti che aspettano di essere smantellati. Quello che si apre davanti agli occhi è un vero e proprio cimitero delle navi: qui le barche di tutto il mondo vengono arenate sulla spiaggia attraverso la...
06 Mag 2014
Una conversione ambientale “inconsapevole” fa ottenere all’Italia la leadership nelle trasformazioni green dell'economia superando la Germania, tradizionalmente considerata il campione in questo settore. Nel 2014 la Penisola emerge nettamente, sotto tutti i profili, come un Paese che consuma meno risorse, meno energia e...
16 Apr 2014
“Se i criteri che la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici della Liguria ha applicato per bocciare il progetto di un impianto eolico, nei Comuni di Vado Ligure e Quiliano, si dovessero applicare in tutta la Liguria di sicuro vi sarebbe uno stop immediato alla Gronda autostradale di Genova, alla piattaforma Maersk nel golfo...
18 Mar 2014
Frigoriferi e scaldabagni guasti, televisori con tubo catodico, telefonini, pc e stampanti ma anche giocattoli e lampadine giunti a fine vita compongono una percentuale sempre crescente dei nostri rifiuti. Rifiuti che però richiedono particolari attenzioni per lo smaltimento al fine di recuperare i materiali pregiati attraverso l’...
12 Dic 2013
“L’esperienza degli orti urbani che ormai costellano le nostre città, la legge sugli alberi, il fenomeno della custodia dei territori, la gestione di spazi urbani e di territori di qualità, la tutela di specie come le tartarughe, il recupero di sistemi dunali prima degradati e la battaglia contro il consumo di suolo dimostrano che si è diffuso un...
22 Ott 2013
Non è un’utopia ma un fatto concreto. Dove si è potuto realizzare un sistema combinato di autoproduzione e di distribuzione di energia da fonti rinnovabili si vive meglio, si crea sviluppo, si risparmia. E’ il caso di Prato allo Stelvio (Bolzano), dove grazie ad una vecchia legge è consentito a una cooperativa di cittadini (che coinvolge anche il...
16 Ott 2013
Dalle 10.00 del mattino i Fori Imperiali ospiteranno stand di associazioni e aziende italiane delle rinnovabili, prodotti biologici e sostenibili, laboratori per bambini e ragazzi, ciclofficine, piste per go-kart a pedali e tanto altro ancora.Saremo in piazza per un futuro energetico italiano incentrato sulle fonti rinnovabili e l'efficienza....
31 Mag 2013
“Interessante la proroga degli ecobonus fiscali per l’efficienza energetica in edilizia, varata oggi dal Consiglio dei Ministri, e che prevede l’innalzamento della soglia della detrazione dal 55% al 65%. Ci auguriamo che l'innalzamento non sia a detrimento degli ambiti di applicazione. Il sistema di agevolazione fiscale negli anni ha infatti...
25 Mar 2013
“La sobrietà nelle istituzioni può esprimersi in tanti modi. Aumentare la sostenibilità ambientale attraverso una buona e corretta gestione della spesa pubblica è uno di questi”.Da cinque anni le Amministrazioni pubbliche italiane sono invitate ad introdurre criteri ambientali e sociali negli appalti pubblici relativi a beni, servizi e opere. Lo...