Basta incentivi al consumo di risorse ambientali. Legambiente e Radicali italiani presentano il Manifesto comune sulla fiscalità ambientale


Cambiare la fiscalità su risorse energetiche e ambientali per premiare l'innovazione e ridurre le tasse su lavoro e imprese

Il sistema fiscale in Italia avvantaggia l’uso di risorse ambientali non rinnovabili e l’inquinamento. Nelle regole di sfruttamento di molte risorse naturali, nelle bollette dell’energia si annidano infatti costosi sussidi o sconti ingiustificati al consumo di ambiente. Il Manifesto sulla fiscalità ambientale di Legambiente e Radicali Italiani propone di correggere queste distorsioni eliminando sussidi e sconti fiscali alle fonti fossili e introducendo regole di tutela, di tassazione e di assegnazione trasparenti in tutta Italia per cave, acque minerali, concessioni balneari, consumo di suoli.

 

L'iniziativa nasce dalla convinzione che oggi i temi della legalità, della tutela dell’ambiente, della green economy siano profondamente legati. Per uscire dalla crisi ci vogliono idee nuove, investimenti in riqualificazione e innovazione ambientale. Trovare le risorse è possibile.  Il Manifesto mette a fuoco ben 10 miliardi, tra rendite e sussidi anti-ecologici, che devono essere cancellati e spostati su investimenti in efficienza energetica e qualità ambientale, senza dimenticare i benefici di un ripristino della legalità e della trasparenza in settori importanti come le cave e il demanio marittimo, il consumo di suolo, lo sfruttamento delle risorse idriche. Leggi tutto

Files
Temi:
Pubblicato il21 maggio 2014