Decreto sulla micromobilità elettrica

Legambiente: non va bene, troppi limiti alla circolazione dei monopattini e l’obbligo della patente per i minorenni non esiste in nessun Paese al mondo.

Il ministero delle Infrastrutture ‎ha annunciato di aver chiuso il testo del Decreto ministeriale che dovrà aprire alla sperimentazione della micromobilità elettrica (monopattini, segway, hoverboard, monowheel) nelle città italiane, oggi vietata dal codice della strada. Il testo di cui sono circolate anticipazioni in questi giorni, che ora dovrà passare per un parere all’Anci, però non convince Legambiente.

“La circolazione sarà consentita solo su piste ciclabili e aree pedonali, zone 30 e strade assimilabili, ma con differenze nell’accesso tra i diversi mezzi. Ai Comuni spetterà poi di individuare precisamente queste aree con relativa cartellonistica. Inoltre sono fissati limiti di velocità di 20 km/h, inferiori a quelli di una qualsiasi bicicletta a pedalata assistita, ma con limiti di potenza assolutamente abbondanti per quelle velocità. Non si comprende perché non si decida semplicemente di equiparare questi mezzi alle bici per quanto riguarda le regole di circolazione su strada,” ha commentato Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente “Il rischio – continua Zanchini – è che con regole così complicate e restrittive gli stessi Comuni si trovino di fronte a un percorso assai complesso prima di aprire alla sperimentazione, e quella che potrebbe essere una opportunità di circolazione nelle nostre città, con mezzi a emissioni zero, incontri enormi barriere alla sua diffusione”.

Legambiente da anni si batte per permettere alla micromobilità in Italia di avere le stesse regole che sono in vigore nelle città europee, degli Stati Uniti e cinesi, che stanno consentendo di attrarre una quota degli spostamenti fino ad alcuni chilometri di lunghezza, che può essere percorsa con questi mezzi, anche attraverso le opportunità che oggi ci sono grazie ad operatori che propongono lo sharing dei monopattini. Nell’ultima Legge di Bilancio un emendamento proposto dall’associazione ambientalista per aprire a questa prospettiva aveva trovato l’accordo di maggioranza e opposizione in Parlamento ed era stato previsto che entro il 31 Gennaio il Ministero delle Infrastrutture individuasse, con un apposito Decreto, le regole per la sperimentazione della circolazione di questi mezzi, in attesa che venga modificato il codice della strada.

“Non è più il ritardo di approvazione del testo a preoccuparci‎ ora” – ha continuato Zanchini – “ma i suoi contenuti. Saremmo, tra l’altro, l’unico Paese a prevedere la patente per i minorenni che usano questi mezzi, un’autentica follia e una barriera al loro uso da parte di una generazione che guarda con grande attenzione a questa prospettiva di cambiamento della mobilità e degli stili di vita. Evitiamo un vero e proprio autogol, equipariamo questi mezzi alla bicicletta per la sua circolazione fissando delle regole di buon senso per le velocità e potenze massime, senza complicare con limitazioni assurde un cambiamento nelle forme di mobilità di cui possono beneficiare i cittadini e l’aria che respiriamo nelle nostre città”.

L’ufficio stampa di Legambiente: 0686268353-99

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter di Legambiente? Basta inserire i tuoi dati cliccando sul seguente pulsante