Marine pollution


La marea nera che sta devastando i preziosi ecosistemi del Golfo del Messico, con danni immensi anche alle economie locali, riporta alla luce il drammatico problema degli incidenti con  sversamento da idrocarburi dei nostri mari. Ma è il Mar Mediterraneo, dove ogni giorno operano  oltre 2.000 i traghetti, 1.500 i cargo, 2.000 le imbarcazioni commerciali e 300 navi cisterna, a risultare una delle aree più a rischio del mondo

Sin dal grave incidente in Galizia 2002, Legambiente opera nella bonifica delle coste in caso di spiaggiamento di idrocarburi. Da allora Legambiente ha organizzato e formato i propri volontari  per essere preparati ad intervenire coniugando tempestività, professionalità e sicurezza, diventando un punto di riferimento per la protezione civile in Italia e all’estero su questo  innovativo settore di intervento. Legambiente ha realizzato il primo manuale tecnico sull’intervento del volontariato nella bonifica delle coste, tradotto e distribuito in tutto il mondo. Un nuovo metodo facilmente applicabile e riproducibile su tutto il territorio nazionale, che coniuga efficacia e utilizzo di attrezzature di facile reperimento e di costo contenuto.

Anche partendo da queste esperienze Legambiente sviluppa percorsi di alta formazione rivolta alle amministrazioni locali costiere per la bonifica della costa colpita da piccoli e grandi spiaggiamenti da idrocarburi.

Vai al progetto Neptune - Roma

Scarica il dossier Marea Nera 2010

Scarica il manuale in italiano, inglese, spagnolo e francese

Per info: f [dot] ottaviani [at] legambiente [dot] it  protezionecivile [at] legambiente [dot] it – 06/86268407

Temi:
Pubblicato il24 giugno 2010