Proposte di misure del piano italiano per l'auto elettrica


In relazione al Piano italiano per l’auto elettrica, che il governo dovrà condividere con le parti sociali e inviare alla Commissione europea, avanziamo alcune considerazioni e proposte 

La mobilità elettrica ha vantaggi strutturali ed immediati di primarie dimensioni, in termini di emissioni di gas climalteranti, inquinamento atmosferico, sostegno alla diffusione delle energie rinnovabili, riduzione delle importazioni, autonomia energetica del Paese. Per cogliere questi obiettivi occorre però comprendere con esattezza da un lato in che cosa consiste la trappola tecno-economica (lock-in) che ci tiene nel modello attuale di mobilità da fonti fossili e dall’altro come uscirne. 

La trappola si può riassumere in questo modo: 

1.  pochi acquistano un'automobile elettrica al posto di una endotermica a causa di un differenziale di prezzo iniziale tra i 5 e i 10 mila euro (e con l’incertezza del tempo di ritorno dovuto al minor costo d’uso): si preferisce attendere la riduzione di prezzi (soprattutto delle batterie) che solo un mercato più vasto consentirà;

2. l’auto elettrica è circondata da pregiudizi e valutazioni, che ne fanno un oggetto di contrasto tra tecno-entusiasti e detrattori, il che non facilita l’acquisto razionale da parte delle famiglie “normali”;

3. pochissimi soggetti comprano un veicolo elettrico in assenza di una infrastruttura di ricarica capillare, comoda (garage, cortile, fronte a casa), compatibile, veloce (se si è in viaggio); d’altro canto i normali operatori di mercato investono poco sull’infrastruttura in mancanza di un parco veicoli elevato;

4. i soggetti più rapidamente mobilitabili all’acquisto dei veicoli elettrici sono i professionisti che operano nel settore del trasporto plurimo: cooperative di taxisti, autonoleggi, flotte aziendali, enti pubblici, centrali di mobilità e di car-sharing; oppure servizi di consegna merci, posta, distribuzione, assistenza tecnica o commerciale a base locale; ogni veicolo da essi utilizzato porta nell’anno un grande numero di passeggeri o utenti, che hanno così modo di rendersi direttamente conto dei vantaggi (silenziosità, stabilità, manovrabilità, bassi consumi);

5. l’industria automobilistica ha bisogno di scaricare il costo delle batterie e quindi conta su un basso prezzo dell’energia elettrica per giustificare l’acquisto del veicolo; viceversa per il sistema elettrico sarebbe importante un prezzo del venduto che remuneri adeguatamente le energie rinnovabili e gli investimenti infrastrutturali (es. reti di trasmissione e distribuzione, smart grid, ecc.).

6. il trasporto elettrico consente emissioni locali vicini allo zero. Ma per ridurre significativamente le emissioni climalteranti dei sistemi di trasporto delle persone e delle merci è necessario diffondere il corretto uso di mezzi sempre più efficienti (anche biciclette e mezzi pubblici) e che l'energia primaria che alimenta la rete di ricarica sia rinnovabile.
 
Per uscire da tali condizioni, la scelta di un pacchetto strutturato di incentivi deve essere diretta a rompere in tempi brevi i meccanismi di blocco, liberando dinamiche auto-propulsive di mercato. Non serve agire solo su uno o alcuni meccanismi di blocco, trascurando gli altri: infrastrutture di ricarica e pochi veicoli non servono, così come sarebbe deleterio avere tanti veicoli circolanti e pochi e costosi punti di ricarica.

L’Italia è il luogo ideale , poiché vi è una diffusa sensibilità ambientale, moltissimi luoghi hanno pregio urbanistico e naturale (ad esempio i distretti turistici e le città d’arte), vi è un tessuto di piccole e medie imprese capaci di agire su nicchie produttive innovative. Stiamo mappando tali fattori per promuoverli attivamente.


1 - LA STRATEGIA 

Lo Stato può ragionevolmente stanziare risorse limitate mentre i costi complessivi del cambiamento (tecnologico, infrastrutturale, culturale) sono molto elevati. Quindi l'effetto leva, la capacità emulativa e moltiplicativa per gli investimenti privati (e la spesa delle famiglie) deve essere efficace. I paesi in cui si acquistano più mezzi elettrici (le grandi metropoli cinesi, Norvegia, Olanda, Francia) i generosi incentivi (IVA, defiscalizzazione, esenzioni pedaggio, sconti sull'elettricità) sono accompagnati da entrate derivanti carichi fiscali elevati (sino al raddoppio del prezzo d'acquisto) sulle auto a motore endotermico.

Per ottenere risultati significativi e effetti moltiplicativi rilevanti, vale la pena concentrare gli incentivi sulle infrastrutture, sulle flotte di veicoli per il trasporto delle persone o di servizio appartenente a flotte private o pubbliche di uso quotidiano e intenso: bus, minibus, servizi di car-sharing, taxi, corrieri, servizi postali, servizi sociali pubblici o del terzo settore, artigiani che operano nelle aree urbane,… In questi casi si massimizzano i chilometri percorsi con mezzi a inquinamento locale pari a zero e l'esperienza degli utenti che sperimentano l'efficacia della trazione elettrica. Naturalmente la dotazione infrastrutturale al servizio delle flotte deve essere messa a disposizione anche dell'utente privato e servire agli sviluppi futuri.

Occorre evitare gli effetti indesiderabili registrati nel fotovoltaico: questa volta agevolazioni e finanziamenti pubblici devono anche rafforzare o creare una filiera nazionale. È utile quindi finalizzare i contributi pubblici alla crescita nel tempo di filiere produttive almeno in parte nazionali che facciano ricerca, implementazione a livello urbano e territoriale, includano sia imprese consolidate, anche di tipo “benefit”, che start-up, magari giovanili. Facciamo degli esempi: batterie e ciclo di vita delle stesse, mezzi pubblici o di servizio elettrici, componentistica dell'automotive (ancora forte in Italia, nonostante la pesante contrazione del ruolo della Fiat). 

In ogni caso, occore non confondere la mobilità elettrica con l'auto elettrica: le biciclette a pedalata assistita (in Olanda, Germania e Cina) sono milioni, in Italia migliaia. Oltre a monoruota, monopattini, moto e tricicli. I bus elettrici (senza fili) sono una realtà a Torino come in altre città del mondo. Furgonati e veicoli di servizio, treni e trasporto merci: sono molte le tipologie che ottimizzano percorsi ed usi, riuscendo a diventare più competitivi dei veicoli endotermici.

La strategia per affrontare il problema dovrebbe fare delle scelte nette e coerenti, ed in particolare:

1. agevolazioni all'acquisto di veicoli elettrici da parte di flotte di servizio (passeggeri e merci) di proprietà di singoli operatori (taxisti, artigiani, ecc) e società (car sharing, messaggerie, distribuzione, ecc) rendendo possibili “super ammortamenti” e vantaggi fiscali sull'attività individuale.
2. incentivi all'acquisto di veicoli elettrici (dalla bici ai veicoli industriali) per individui, società, mezzi pubblici, anche rilevanti, finanziati mediante tassazione (bonus-malus) veicoli endotermici con emissioni di CO2 superiori a 150 grammi a Km.
3. costruire nicchie economicamente sostenibili di utenti e punti di ricarica, territorialmente concentrate e concordate in modo esplicito tra partner complementari (favorendo ad esempio la contemporaneità tra l’acquisto plurimo di veicoli e l’installazione di punti di ricarica);
4. mettere in piedi l’infrastruttura di ricarica pubblica e privata prima che i veicoli elettrici siano diffusi su larga scala, trasferendo almeno in parte al sistema costi inevitabili di sovra-dimensionamento;
5. favorire l'installazione di prese e di contatori di ricarica, anche a bassa potenza, presso le abitazioni private dotate di garage, cortili e garage condominiali, autorimesse e posteggi pubblici e privati, incentivando in particolare gli edifici che installino o abbiamo giù installato pannelli solari o impianti rinnovabili di prossimità;
6. favorire un apprendimento collettivo sulle caratteristiche dei veicoli elettrici e delle diverse soluzioni tecnologiche, di mercato e di modelli di business per la ricarica, la manutenzione, la gestione e la proprietà;
7. favorire le partnership plurime (multi-stakeholders) nazionali e sub-nazionali, incluse ad esempio le imprese, gli enti locali, le associazioni del Terzo settore, le università e gli enti di ricerca;
8. includere e rendere coerenti il piano di diffusione di stazioni di ricarica pubblica di energia elettrica con “piani urbani e/o locali per la mobilità sostenibile”, che vadano a regolare le zone a traffico limitato, l’uso del suolo urbano per la sosta dei veicoli, limiti di velocità di strade urbane ed extra-urbane, ed altre misure capaci di trasferire larghe quote di tragitti su modalità a zero o basse emissioni;
9. integrare le azioni per la mobilità sostenibile in piani d’azione di contrasto ai cambiamenti climatici (es. i PAES promossi dall’Unione Europea e correntemente in fase di revisione al 2030);
10. facilitare l’introduzione strumenti di gestione della domanda di mobilità, quali congestion charges (vedi AreaC di Milano).
11. aiutare una pluralità di soggetti ad entrare profittevolmente sul mercato della fornitura di elettricità per veicoli, in modo da garantirne ab initio un significativo grado di competizione del suo mercato ed evitare nuove posizioni di monopolio;
12. esplorare una pluralità di sistemi di pagamento e di tariffe target differenziate e flessibili, inclusi i sistemi di pre-pagamento (che sono stati decisivi per il decollo della telefonia mobile) e di bundling con altri servizi (quali parcheggi, condomini, hotel, agriturismi, ristoranti, supermercati, ecc.);
13. supportare la ricarica privata aperta a terzi (in logica di peer-to-peer e di club di condomini);
14. collegare la diffusione dei punti di ricarica alle reti degli alberghi (inserire la presenza di un tale punto negli standard che definiscono le quattro stelle, fornire un incentivo a cifra per tale installazione in alberghi di qualsiasi categoria);
15. aggiungere ai vantaggi del costo del “carburante” un azzeramento dei pedaggi autostradali, del bollo e di eventuali altri costi fissi (quali l’imposta relativa all’acquisto o all’importazione, la detraibilità al 65% delle spese di adeguamento degli edifici per l’acquisto, l’installazione e l’attivazione delle infrastrutture di ricarica private e pubbliche, ecc);
per quanto riguarda la questione fondamentale della gestione del ciclo di vita delle batterie, esplorare le alternative (inclusa ad esempio la rigenerazione ed il riuso in aggregazioni presso centrali) e scegliere quella migliore dal punto di vista ambientale.

 

2 - LE FONTI DI FINANZIAMENTO

In prima battuta il bilancio ordinario dello Stato è sufficiente per pagare interamente questo piano, generando spesa pubblica di buona qualità e livelli elevati di consenso.  Si può peraltro rilevare che l’Unione Europea, nell’indicare l’Obiettivo 4 – “Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori” dei fondi strutturali 2014-2020 ha posto le condizioni perché azioni simili potessero essere finanziate tramite l’Accordo di Partenariato e poi coi POR ed i PON. In pratica solo un ridotto numero di Regioni ha effettivamente dato seguito a questa priorità, a volte mescolando il supporto alla mobilità elettrica con quello alla mobilità a metano. Una mappatura più precisa ed un raccordo dei testi e dei tempi dei bandi regionali potrebbe mobilitare risorse aggiuntive (o una parziale copertura del presente piano).

La defiscalizzazione è una strada importante, che questo Governo ha utilizzato con successso ed in varie occasioni. 

Sistemi bonus-malus sono peraltro particolarmente efficaci e sostenibili nel tempo per raccogliere e distribuire risorse, fortemente incentivando i comportamenti, perché allargano la forbice tra la situazione incentivata e quella scoraggiata. Tenendo conto che la larghissima parte dei soggetti non sceglierà la situazione incentivata, è possibile tenere leggerissima la parte di raccolta di gettito da parte di coloro che persistono in comportamenti scoraggiati, offrendo incentivi sostanziali e capaci di cambiare il sistema delle convenienze, anche concedendo ampissime esenzioni (per reddito o condizioni oggettive di difficoltà). In altri termini, se l’adozione di veicoli elettrici viene incentivata ponendone il costo a carico di chi ne ha uno estremamente inquinante, se l’installazione di colonnine viene incentivata ponendone il costo a carico di chi, in condizioni oggettive di farlo, non lo fa (pur concedendo ampissime esenzioni) e si provvede a fare i passi strategici e culturali summenzionati, è possibile lanciare il decollo in tempi brevi della mobilità elettrica.

 

 

Temi:
Pubblicato il27 maggio 2016