Abusivismo Edilizio


Esiste un’Italia fondata sul mattone selvaggio. E’ quella dell’abusivismo edilizio, una piaga che secondo il Cresme, tra costruzioni ex novo e ampliamenti significativi, produce più di 20mila case ogni anno.  Una casa abusiva può costare anche la metà di una costruzione in regola, basti pensare che tutta la filiera ha un prezzo ridotto: i materiali acquistati in nero, la manodopera pagata in nero, zero spese alla voce sicurezza del cantiere.

È un fenomeno che devasta i luoghi più belli del Paese, manufatti che spesso rimangono allo stato incompiuto di scheletri, villette e alberghi che privatizzano interi pezzi di spiaggia, che sorgono in mezzo ai letti dei fiumi o in aree a rischio idrogeologico. E che si lega a doppio filo alle cave fuorilegge, alla movimentazione terra e al calcestruzzo e alle imprese dei clan. Perché il ciclo illegale del cemento non è solo il costruito dove non si può, ma è anche appalti truccati, opere dai costi esorbitanti per alimentare giri di mazzette, corruzione e speculazioni immobiliari con le carte truccate.

La distinzione tra l’operato delle famiglie mafiose tradizionali e quello dei sodalizi criminali tra grandi imprese e mala politica si è ormai fatta sempre più labile. Se non addirittura inesistente quando gli interessi si saldano e dal malaffare del cemento guadagnano tutti.

All'abusivismo edilizio Legambiente ha dedicato ABBATTI L'ABUSO, una campagna permanente che ha l'obiettivo di liberare il Paese dalle case illegali www.legambiente.it/abbattilabuso

18 Mag 2016
“Finalmente il Senato, dopo oltre due anni di attesa, ha approvato il disegno di legge sul sistema delle agenzie ambientali. Un provvedimento che punta ad una migliore uniformità dell'azione delle Agenzie regionali protezione ambiente sul territorio, anche se non risolve definitivamente tutti i problemi della rete dei controlli pubblici. Purtroppo...
10 Mag 2016
  “Siamo vicini al sindaco Angelo Cambiano per il vile attentato subito ieri sera e per il grave isolamento che sta subendo. Ben venga la solidarietà annunciata per oggi dai sindaci della provincia di Agrigento e la visita del Ministro Alfano. Ma se davvero si vuole dimostrare di stare dalla parte della legalità, serve...
06 Mag 2016
Il GIP e la Procura della Repubblica hanno entrambi dichiarato che tutta l’area di costruzione è una “lottizzazione abusiva”, eppure il sequestro è stato disposto solo per un’area in cui il permesso di costruire non è mai stato chiesto. Come ha intenzione di muoversi la Procura? Legambiente Vicenza,...
29 Apr 2016
“E’ assolutamente inaccettabile che qualcuno pensi di fermare il ripristino della legalità con minacce e barricate. A Licata, dopo anni, finalmente si stanno effettuando le prime demolizioni degli immobili abusivi. Le persone oneste, a partire dal Sindaco e dagli amministratori locali, devono fare sentire forte e deciso il loro...
18 Dic 2015
  Eppur si muove anche la Calabria. Dopo le demolizioni avvenute in Sicilia, in Puglia e nel Lazio, ora è la volta della Calabria dove, grazie all’intervento della Procura di Reggio Calabria, è iniziato l’abbattimento delle costruzioni fuorilegge. La Procura e la sezione di polizia giudiziaria del Corpo Forestale...
12 Dic 2015
    Il X congresso nazionale di Legambiente, organizzato a Milano negli spazi dell’Ex Ansaldo, è entrato oggi nel vivo del dibattito con le 7 piazze tematiche su clima, economia civile, legalità, mobilità, reti territoriali, suolo e volontariato. Sette temi e luoghi di incontro, proposte e confronto su quelle...
07 Set 2015
“L’abbattimento delle case abusive nella Valle dei Tempi, eseguito dal comune di Agrigento e avviato grazie all’intervento della Procura di Agrigento - dichiara Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente - è l’inizio di un lungo processo che segna una inversione di tendenza nella battaglia contro l...
26 Ago 2015
  Gli abbattimenti in corso nella Valle dei Templi, in Sicilia, e quelli avvenuti negli ultimi anni come ad esempio a Scala dei Turchi, ad Ostuni, a San Felice Circeo, sono la prova che finalmente è in atto, seppur molto lentamente, una inversione di tendenza culturale che rafforza la battaglia contro l’abusivismo e restituisce...
19 Ago 2015
L’Italia ha una partita tutta da giocare: salvare le sue coste. Da sempre i paesaggi costieri rappresentano una parte rilevante dell’identità, della storia e della memoria collettiva del nostro Paese, oltre che una risorsa turistica importantissima e un patrimonio naturale di straordinario pregio. Eppure, le trasformazioni...
30 Giu 2015
Finalmente gli ecocriminali saranno costretti a pagare. Dopo 21 anni di battaglie, la legge n. 68 del 22 maggio 2015, ha introdotto i delitti contro l’ambiente nel Codice Penale. Questa edizione 2015 del rapporto Ecomafia, realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla casa editrice Marotta e Cafiero, non può che aprirsi quindi...
30 Giu 2015
      Finalmente gli ecocriminali saranno costretti a pagare. Dopo 21 anni di battaglie, la legge n. 68 del 22 maggio 2015, ha introdotto i delitti contro l’ambiente nel Codice Penale. Questa edizione 2015 del rapporto Ecomafia, realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla casa editrice Marotta e Cafiero, non pu...
30 Giu 2015
      Finalmente gli ecocriminali saranno costretti a pagare. Dopo 21 anni di battaglie, la legge n. 68 del 22 maggio 2015, ha introdotto i delitti contro l’ambiente nel Codice Penale. Questa edizione 2015 del rapporto Ecomafia, realizzato col contributo di Cobat, ed edito dalla casa editrice Marotta e Cafiero, non pu...
25 Feb 2015
“È urgente che si approvi con le ultime modifiche il Ddl sugli ecoreati nel codice penale, ancora in discussione al Senato a quasi un anno dall'approvazione alla Camera. Il Paese e il popolo inquinato non posso più attendere ”. È quanto hanno chiesto le 25 associazioni firmatarie dell’appello “In...
15 Dic 2014
Mai più disastri ambientali impuniti. Terra dei fuochi, Marghera, Taranto, Gela, Eternit, Valle del Sacco, Quirra: l’Italia non può più attendere. Con l’inserimento nel Codice penale dei delitti ambientali, in primis quelli di inquinamento e disastro, sarà possibile aiutare magistratura e forze dell'...
30 Nov 2014
  "Una gran bella giornata, la rivincita della bellezza sull'arroganza del cemento. Dalle macerie dell'ecomostro di Alimuri arriva chiaro il messaggio: mai più condoni, mai più abusivismo, mai più regali all'ecomafie. Ora è necessario mettere in sicurezza il costone e vigileremo perché quel...
28 Nov 2014
Legambiente parteciperà con bandiere e striscioni all'abbattimento di uno degli ecomostri più famosi del nostro paese, quello di Alimuri a Vico Equense, nella penisola sorrentina, previsto per domenica. Una barca dell'associazione ambientalista seguirà via mare l'abbattimento esponendo lo storico striscione “...
26 Nov 2014
Qui le foto dei blitz di Goletta Verde dal 2000: https://flic.kr/s/aHsk2FgsCL   E cinque. Dopo le villette abusive di Eboli, il Fuenti, il Villaggio Coppola Pineta Mare e gli scheletri di Montecorice nel Cilento, finalmente va giù un altro storico ecomostro censito da Legambiente. Conto alla rovescia per abbattimento dell'...
16 Set 2014
“La scelta di Gaetano Saffioti, testimone di giustizia che vive sotto scorta da 17 anni,  di demolire con la sua ditta edile la casa abusiva del clan Pesce a Rosarno, dimostra la dignità e il coraggio di un imprenditore capace di fare il suo mestiere senza sottostare al giogo delle famiglie mafiose. Il suo gesto, ancora pi...
01 Ago 2014
"Il voto di ieri in Campania non è altro che l'ennesimo tentativo - o l'ennesima illusione - di poter fare rientrare nel condono edilizio immobili che non ne hanno i requisiti e che attendono ancora l'evasione delle pratiche da parte dei comuni".Così Vittorio Cogliati Dezza e Michele Buonomo, rispettivamente...
20 Giu 2014
Tra mare e costa, nel 2013 forze dell’ordine e capitanerie di porto hanno accertato quasi 40 infrazioni al giorno, per l’esattezza 14.504. La pesca di frodo rappresenta il 42% di questa illegalità; le forze dell’ordine hanno sequestrato di più di 1 milione e 600 mila chilogrammi di pescato e le regioni più...