Salviamo le coste italiane


Deturpato dal cemento il 56% dei paesaggi costieri italiani, 222 chilometri di costa cancellati negli ultimi trent’anni. Record negativo della Calabria che ha perso il 65% di litorale

Legambiente ha avviato nel 2012 uno studio delle aree costiere di tutta la Penisola (ad eccezione di Sicilia e Sardegna, che rientreranno nella ricerca il prossimo anno) allo scopo di registrarne il consumo legato a speculazione edilizia e urbanizzazione di paesaggi agricoli e naturali.

Il quadro che emerge dal dossier, che prende in esame 13 regioni, è tanto impressionante quanto paradossale: sui 3.902 chilometri di coste analizzate da Ventimiglia a Trieste, oltre 2.194 chilometri, ossia il 56,2% dei paesaggi costieri, sono stati trasformati dall’urbanizzazione. Dal 1985, anno della Legge Galasso, sono stati cancellati dal cemento circa 222 chilometri di paesaggio costiero, a un ritmo di quasi 8 chilometri l’anno. Leggi tutto

DOSSIER SALVIAMO LE COSTE ITALIANE >> qui

 

APPROFONDIMENTI
Atlante dei paesaggi costieri >>qui

Temi: