Rifiuti, i pirati dei Raee


Analisi dei fenomeni d'illegalità nella raccolta gestione, raccolta e riciclo dei rifiuti da apprecchiature elettriche ed elettroniche

Vecchi frigoriferi e scaldabagni, televisori con il tubo catodico, pc e stampanti rotte, ma anche telefonini, giocattoli e lampadine giunte a fine vita. Sono tutti dispositivi che appartengono alla famiglia dei RAEE, i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, ossia tutti quei congegni che per funzionare hanno bisogno dell’energia elettrica. Si tratta di rifiuti che richiedono particolari attenzioni per lo smaltimento: per evitare danni ambientali e alla salute, per recuperare materiali pregiati da avviare alll’industria del riciclo. Spesso la gestione di questi rifiuti sfugge al sistema legale. Attorno al mercato legale, infatti, prospera un fiorente mercato illecito fatto di discariche abusive, traffici anche internazionali, inquinamento, truffe e criminalità ambientale che sfruttando il lavoro nero e la manodopera a basso costo, sottrae profitti all’economia, inquina i terreni, minaccia la salute pubblica e alimenta il business delle ecomafie. Leggi tutto

 

Files
Temi:
Pubblicato il18 marzo 2014