Premio speciale Piccola grande Italia a Barumini per il sito Unesco “Su Nuraxi”


Il Premio Legambiente è inserito nell'ambito del Premio Cultura di Gestione di Federculture

Legambiente: “La cultura come volano economico e sociale. Nei piccoli comuni le eccellenze del Belpaese”

Andrà al piccolo comune di Barumini (provincia del Medio Campidano) il premio di Legambiente Piccola Grande Italia, istituito nell’ambito del “Premio Cultura di Gestione” di Federculture, che questa sera, al Palazzo delle Esposizioni di Roma, verrà assegnato a sei tra le migliori esperienze italiane nel campo della gestione e della valorizzazione del patrimonio artistico-culturale.
“Sono lieto di consegnare il premio Piccola grande Italia a un Comune che si è distinto per aver saputo valorizzare, anche dal punto di vista imprenditoriale e turistico, il proprio patrimonio archeologico e culturale – ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -. L’esperienza di Barumini dimostra che la cultura, in tempo di crisi, non deve essere considerata un lusso bensì una risorsa preziosa capace di offrire occupazione e di muovere l’economia. La gestione dei beni culturali è un’attività moderna, manageriale, che ci spinge ad affrontare le sfide lanciate dal mondo imprenditoriale ai settori produttivi del turismo e della valorizzazione del territorio. Gli inimitabili valori portati dall’intelligente gestione di beni artistici e culturali sono irriproducibili altrove, e questo è ancor più evidente nei Piccoli Comuni,che sono spesso presidi culturali oltre che civili e che, anche per questo, vanno opportunamente supportati”.

L’iniziativa, promossa ormai da dieci anni da Federculture insieme a Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Conferenza delle Regioni, l’ANCI, l’UPI, Legautonomie, Legambiente, CTS – Centro Turistico Studentesco e Giovanile, ha visto una grande partecipazione, con circa 100 progetti candidati da parte di amministrazioni locali, associazioni, aziende, fondazioni, istituzioni. Tutte esperienze di grande qualità che testimoniano una vitalità diffusa nel nostro territorio e una grande spinta all’innovazione nelle politiche culturali.

L’ufficio stampa (06.86268376 – 99)

Pubblicato il22 settembre 2011