Mal’aria di città 2013. PM10, PM2,5, ossidi di azoto, ozono e decibel fuori controllo minano salute e sicurezza dei cittadini


Alessandria, Frosinone, Cremona e Torino guidano la classifica delle polveri in città. La Pianura Padana si conferma zona critica con 18 città tra le prime 20 posizioni ma smog e rumore colpiscono tutto il Belpaese. Legambiente: “Interventi immediati per città più vivibili, moderne e sicure".

Il 2013 è stato denominato “anno europeo dell’aria”. Nel nostro caso però, “anno europeo dello smog” sarebbe stato forse più realistico e appropriato viste le performance delle città italiane in termini di inquinamento atmosferico: nel 2012 in tutti i principali centri urbani sono stati superati i livelli di polveri fini (PM10). Sono 51 le città, tra le 95 monitorate da Legambiente nell’ambito della classifica “PM10 ti tengo d’occhio”, che hanno superato il bonus di 35 giorni di superamento del valore medio giornaliero di 50 microgrammi/metro cubo stabilito dalla legge. Alessandria, Frosinone, Cremona e Torino sono le prime classificate, rispettivamente con 123, 120 e 118 giorni di superamento. Tra le prime dieci città anche Milano, con 106 giorni di superamento. In generale è l’area della Pianura Padana a confermarsi come la zona più critica con 18 città tra le prime 20 posizioni. Ma non è solo il nord a soffrire di elevati livelli di inquinamento. Al ventesimo posto troviamo infatti Napoli con 85 giorni di superamento e a seguire Cagliari (64), Pescara (62), Ancona (61), Roma (57) e Palermo (55).

Per il pericoloso PM2.5 (frazione delle polveri, con diametro inferiore ai 2,5 micron), nonostante il monitoraggio sia obbligatorio già dal 2011 e sia fissato il valore obiettivo di 25 microgrammi/metro cubo come media annuale, ancora oggi sono disponibili i dati di poche città. Tra quelle monitorate da Legambiente i valori del PM2.5 sono fuori norma nel 50% delle città. Al primo posto ancora una volta le aree urbane dell’area padana: Torino, Padova e Milano con un valore medio annuo compreso tra 35 e 33 microgrammi/metro cubo.

Tra gli altri inquinanti che continuano a minacciare la qualità dell’aria troviamo poi gli ossidi di azoto, che in 24 delle 83 città monitorate hanno superato la concentrazione media annua di 40 microgrammi/metro cubo stabilita dalla legge. Firenze, Torino, Milano e Roma sono ai primi posti della classifica. Infine, a caratterizzare particolarmente i mesi estivi, troviamo l’ozono che risulta elevato in 44 delle 78 città monitorate da Legambiente nel rapporto Ecosistema Urbano. Anche in questo caso ai primi posti le città del nord Italia: Mantova (130 giorni di superamento della soglia stabilita dalla legge), Lecco (94), Bergamo (90), Reggio Emilia (89) e Parma (85).
 
“Il 2012 si chiude con una conferma sugli elevati livelli di inquinamento atmosferico che respiriamo nelle città italiane e lo smog è destinato a caratterizzare anche l’anno appena cominciato. E a chiedere all’Italia misure risolutive per ridurre l’inquinamento atmosferico a fine anno è stata pure l’Europa con una sentenza della Corte di giustizia nei confronti del nostro Paese – ha dichiarato la direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni -. Evidentemente, il problema dell’inquinamento e delle città invase dal traffico non può più essere affrontato in maniera parziale e limitata”.

Sono i processi industriali e di produzione di energia e in città prevalentemente il traffico veicolare e i riscaldamenti, le principali fonti di emissione di polveri fini, ossidi di azoto, dei precursori dell’ozono o di altri inquinanti come gli idrocarburi policiclici aromatici o il monossido di carbonio e del rumore. Questi sono quindi i settori su cui bisogna intervenire con AIA severe per siti produttivi e centrali elettriche, politiche di efficienza energetica degli edifici, diffusione di fonti rinnovabili e pulite per la produzione di energia e per il riscaldamento delle nostre abitazioni e una nuova mobilità incentrata sul trasporto pubblico locale e su quello ferroviario, dirottando i 400 milioni di euro regalati ogni anno all'autotrasporto, sul ferro e sulla mobilità collettiva.

“Quello che serve, ancor prima dei singoli provvedimenti – continua Rossella Muroni - è una capacità politica di pensare e di immaginare un modo nuovo di usare il territorio, un altro tipo di mobilità a basso tasso di motorizzazione e con alti livelli di efficienza e soddisfazione, spazi pubblici più sicuri, più silenziosi, più salutari, più efficienti, dove si creino le condizioni per favorire le relazioni sociali, il senso del quartiere, della comunità. Provvedimenti immediati, come la riduzione della velocità a 30 chilometri orari in ambito urbano o la creazione di aree car free nei pressi delle scuole, permetterebbero un rapido miglioramento della situazione e predisporrebbero a nuovi e più strutturali interventi, come la progettazione di un piano di rete ciclabile portante, la ridefinizione degli spazi urbani, la diffusione all’interno delle aree urbane del meccanismo del road pricing e del park pricing, fino alla riduzione del parco auto circolante”.

A preoccupare la Comunità europea e i cittadini italiani, non è solo l’inquinamento atmosferico, ma anche gli elevati livelli di rumore a cui siamo quotidianamente esposti nelle città. Uno studio commissionato dal Ministero dell’Ambiente olandese all’istituto di ricerca indipendente TNO mette in risalto che l’inquinamento acustico prodotto dal traffico causa danni al 44% della popolazione UE e costa 326 miliardi alla sanità comunitaria. I danni provocati vanno dall’aumento della pressione fino ai problemi cardiaci, dall’ipertensione all’insonnia. L’inquinamento acustico nelle più grandi città d’Europa è monitorato dall’agenzia europea per l’ambiente (EEA).

In Europa, secondo i dati della piattaforma, le località più rumorose sono l’area industriale della Westfalia (in Germania) e l’area di Manchester (in Gran Bretagna). In Italia invece, le città più rumorose sono Bari, Napoli, Roma, Bologna, Genova e Torino. Anche i controlli effettuati nei mesi di febbraio e marzo 2012 dal Treno verde di Legambiente, confermano gli elevati livelli di rumore nelle città italiane: in ognuna delle otto città (Potenza, Napoli, Roma, Grosseto, Milano, Venezia e Ancona) visitate dal convoglio ambientalista sono stati registrati decibel oltre la norma di legge, sia di giorno che di notte. I decibel più alti sono stati riportati a Roma, Milano, Genova e Napoli.

Per visualizzare il dossier http://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/malaria_di_citta_2013.pdf


L’ufficio stampa: 06.86268376 – 99 - 53 

PM10 ti tengo d’occhio

La classifica di Legambiente dei Capoluoghi di Provincia che hanno superato la soglia limite di polveri sottili in un anno; Il Dlgs 155/2010 prevede un numero massimo di 35 giorni/anno con concentrazioni superiori a 50 µg/m3.

Posizione

Capoluogo di Provincia

 (centralina peggiore)

Giorni di

superamento

2012

Posizione

Capoluogo di Provincia

 (centralina)

Giorni di

superamento

2012

1

Alessandria (D’Annunzio)

123

21

Bologna (Porta S. Felice)

73

2

Frosinone (Frosinone scalo)

120

22

Piacenza (via Giordani)

71

3

Cremona (Via Fatebenefratelli)

118

23

Firenze (Mosse)

68

3

Torino (Consolata)

118

24

Ravenna (via Caorle)

66

4

Parma (Via Montebello)

115

25

Cagliari (P.zza Sant’Avendrace)

64 (al 16 dicembre)

5

Vicenza (VI Quartiere Italia)

114

25

Lodi (V.le Vignati)

64

6

Brescia (Villaggio Sereno)

106

26

Pescara (V.le Bovio)

62

6

Milano (Pascal Città studi)

106

26

Terni (Le Grazie)

62

7

Verona (Borgo Milano)

103

27

Ancona (via Bocconi)

61

8

Bergamo (via Garibaldi)

99

28

Como (V.le Cattaneo)

58

9

Asti (Baussano)

97

29

Roma (C.so Francia)

57

10

Monza (via Machiavelli)

96

30

Palermo (Di Blasi)

55

11

Reggio Emilia (V.le Timavo)

93

31

Lucca (Micheletto)

54

12

Mantova (S. Agnese)

90

32

Forlì (via Roma)

52

13

Padova (Mandria)

91

33

Biella (Lamarmora)

50

13

Benevento (Via Floria)

91

34

Varese (via Copelli)

48

13

Rovigo (Centro)

91

35

Trieste (Via Carpineto)

45

14

Rimini (Flaminia)

88

36

Lecco (via Amendola)

44

14

Treviso (via Lancieri)

88

37

Pordenone (centro)

43

15

Napoli (Ente Ferrovie)

85

38

Prato (Roma)

42

15

Modena (Giardini)

85

39

Latina (via Romagnoli)

41

16

Novara (Roma)

84

40

Cuneo (Alpini)

40

17

Pavia (P.zza Minerva)

83

41

Aosta (via Primo Maggio)

39

18

Vercelli ( Gastaldi)

79

42

Trento (via Bolzano)

38

19

Ferrara (C.so Isonzo)

77

43

Sondrio (via Mazzini)

36

20

Venezia (Parco Bissuola)

76

 

 

 

Temi: