Legambiente: “Dal Mibact un’ottima notizia: parola d’ordine valorizzare il territorio, la sua storia e le sue ricchezze"


Legambiente: “Dal Mibact un’ottima notizia: parola d’ordine valorizzare il territorio, la sua storia e le sue ricchezze. Importante sfruttare questa opportunità per realizzare il sogno di Cederna di un unico parco archeologico dalla colonna traiana alla Regina Viarum”
Dieci nuovi musei e parchi archeologici autonomi da Ostia Antica a Ercolano, dal parco dell'Appia a quello dei Campi Flegrei, dal complesso monumentale della Pilotta al Castello di Miramare di Trieste con direttori scelti con bando internazionale. “Quanto annunciato oggi dal ministro della cultura Franceschini rappresenta un’ottima notizia, perché si introduce finalmente il principio della valorizzazione delle “aree”, dimostrando come sia possibile tutelare e investire sul territorio, sulla sua storia, sulle sue ricchezze. Ma al tempo questa scelta, che include tra l’altro il Parco dell’Appia, rappresenterà una opportunità straordinaria per rendere tangibile il sogno di Antonio Cederna di creare un parco archeologico unico, realizzando il percorso ciclopedonale tra la colonna Traiana e la Regina Viarum e aprendo così il museo archeologico a cielo aperto più importante e ricco del mondo. A maggior ragione in un museo a cielo aperto, come lo è l’Appia antica e con l’istituzione del parco, è necessario attivare un ripensamento sulla modalità di fruizione di questa area a partire dal fatto che non dovrà più essere possibile accedere, transitare o parcheggiare veicoli privati a ridosso dell’area archeologica”. È quanto dichiara in una nota Legambiente. L’associazione ambientalista ricorda poi che: “A Roma è già in atto questo cambiamento grazie alla scommessa del Grab, il grande Raccordo Anulare delle Bici della Capitale, un anello di oltre 44 chilometri che corre dentro il centro urbano e che sta lentamente prendendo forma. Il Grab permetterà un’accessibilità diversa unendo la peculiarità e la bellezza dei luoghi, antichi e moderni, con la mobilità sostenibile e riscoprendo il grande museo a cielo aperto dai Fori all’Appia Antica” Temi: