PM10 ti tengo d'occhio


Un concentrato di solfati, nitrati, metalli è quello che respiriamo quotidianamente in città. Il problema, ormai  cronico, continua ad essere sottovalutato e non affrontato in modo deciso ed efficace. 

Qualità dell'aria sempre più scarsa nei nostri centri urbani a causa delle famigerate poleveri sottili - PM10 - emesse in larga parte dal traffico veicolare. Per la loro capacità di penetrare profondamente l'apparato respiratorio costituiscono una seria minaccia per la salute.

La normativa italiana stabilisce un limite di tolleranza giornaliero di concentrazione nell'aria di PM10 (50 µg/m³) che non deve essere superato per più di 35 giorni all'anno. E' fondamentale tenerlo continuamente sotto controllo per poter intervenire tempestivamente in caso di superamento dei limiti. Se questo accade le amministrazioni locali sono tenute a prendere provvedimenti necessari per tutelare la salute dei cittadini e riportare la situazione nella norma.

Purtroppo nelle nostre città esistono molti casi di superamento del limite di guardia stabilito dalla legge. Per informare i cittadini e stimolare le amministrazioni locali ad agire, dal 1 gennaio 2006 Legambiente stila una classifica periodica dei principali capoluoghi italiani con il più alto livello di concentrazioni di polveri sottili. La classifica viene elaborata in base ai dati raccolti attraverso la consultazione dei siti internet di Comuni, Province, Regioni e Arpa. 


Tieni d'occhio il PM10 nella tua città,  consulta la tabella nel file di seguito

 

Files
Temi: