Giretto d'Italia 2013, città in gara per un'altra mobilità


9 maggio sfida a colpi di pedale in 23 comuni italiani. Check-point nelle strade per contare quante persone usano la bici per gli spostamenti quotidiani. 

Aumentano gli italiani che scelgono la bicicletta per spostarsi in città. Esasperati dal costo dei carburanti e stufi di trascorreere ore nel traffico, sempre più spesso lasciano a casa l'automobile. Ma nonostante l'aumentata richiesta di spazi adeguati, i ciclisti, portatori una nuova mobilità, economica ed ecocompatibile, non sono presi in considerazione, usano la bici a loro rischio e pericolo in città che privilegiano solo le automobili. Le piste ciclabili rimangono quasi ovunque iniziative sporadiche e non integrate in una più ampia progettazione di mobilità sostenibile. Insiema a Fiab e Città in bici vogliamo convincere le amministrazioni che per liberare i centri urbani dal traffico e dall'inquinamento è indispensabile investire risorse in un cambiamnto radicale, che renda le città più vivibili, moderne, attente alle esigenze dei cittadini. Vogliamo che i ciclisti abbiamo percorsi dedicati e sicuri come già accade in molte città europee.

 

Le città in gara
Bologna, Bolzano, Brescia, Carpi, Ferrara, Firenze, Genova, Grosseto, Milano, Modena, Padova, Parma, Pesaro, Pisa, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Saronno, Schio, Torino, Trento, Venezia, Vicenza. Saranno suddivise in tre categorie (piccole, medie, grandi). Scarica l'elenco dei chek-point

 

I VINCITORI >> qui

 

Premi, le bici di Cial in alluminio riciclato
Le tre città che si aggiudicheranno il primo premio, quelle in cui il 9 maggio nei punti stabiliti si conterà il maggiore passaggio di biciclette, vinceranno tre biciclette in alluminio riciclato offerte da Cial  (Consorzio Imballaggi Alluminio). Nate dai rifiuti riciclati, le bici sono bellissime, funzionali, ecologiche. 

 

   

Temi:
Pubblicato il17 aprile 2013