Cascina Clarabella: obiettivo solidarietà, benessere mentale, sostenibilità


Vini Franciacorta DOCG e DOC da agricoltura biologica, frantoio, apicoltura, fattoria didattica, agriturismo sostenibile, tutto questo è la Cascina Clarabella un progetto di Fondazione Isparo per il benessere e la salute mentale. Ad Iseo, in provincia di Brescia, nasce nel 2002 la cooperativa Clarabella per l’inserimento lavorativo di persone con disagio psichico. L’obiettivo della cooperativa è quello di valorizzare le risorse deboli, certi del fatto che la riabilitazione di una persona con disagio psichico avviene anche e soprattutto attraverso il lavoro e la responsabilità che ne deriva. Nel settore vitivinicolo la Cascina Clarabella è stata la seconda cantina di Franciacorta a credere nell’agricoltura biologica, e questo li ha premiati. Ora la nuova scommessa di Clarabella è l’energia rinnovabile, per questo è stato messo a punto l’innovativo progetto di una caldaia a biomassa che riutilizza gli scarti della manutenzione del verde, delle lavorazione dei vigneti e della frangitura. Naturalmente Cascina Clarabella guarda sempre avanti, in questo momento è anche impegnata in un progetto per realizzazione di una rete a biogas utilizzando la pollina e i liquami di allevatori della zona. La cooperativa vuole essere il centro propositivo di un territorio, per questo coinvolge le reti locali e si muove per la partecipazione del territorio anche attraverso l’organizzazione di convegni che hanno come scopo quello di combattere il pregiudizio contro la malattia mentale. Altra nota di merito per questa cooperativa è che i dipendenti percepiscono un regolare stipendio oltre ad un’assunzione continua rivolta sempre a persone svantaggiate che non troverebbero collocazione nel mondo del lavoro.

 
 
 

Temi:
Pubblicato il12 giugno 2012